U disegnatore natu in Nigeria Joy Meribe apre a Settimana di a Moda di Milano


  • Paese:
  • Italia

Disegnatore natu in Nigeria JoyMeribe apertuMilanu A Settimana di a Moda mercuri cù a so prima collezione di pista, un successu cuncretu per un muvimentu per prumove a diversità in talianu moda solu un annu dopu u so lanciu. L'italianu A Camera Naziunale di a Moda hà sfruttatu Meribe per apre sei ghjorni di previsioni di a donna per a Primavera-Estate 2022 dopu a so cullezzione inaugurale per l'iniziativa We are Made in Italy l'annu scorsu hà trovu successu cummerciale. Al di là di qualsiasi video, proclamazione o manifestu chì femu, u veru test hè se i clienti cumpranu i vostri prudutti. A gioia hà passatu questu esame ', hà dettu a designer italiana-haitiana Stella Jeans , chì hà aiutatu à lancià l'iniziativa in l'estate di u 2020, ponendu a dumanda, Do Black Lives Matter inItalian Moda? ispiratu da u U.S. muvimentu è seguenti racisti gaffe da i principali italiani case di moda. Ùn seria micca statu cusì prestu, s'ellu ùn ci era micca una accelerazione da i Stati Uniti ', hà dettu Jean , chì hà pigliatu u primu successu in prima fila accantu à u designer americanu EdwardBuchanan, natu in i Stati Uniti andAfro Fashion Week Milanu fundatore Michelle Ngonmo.



Meribe s'hè lampatu in làcrime dopu à u spettaculu mentre ringraziava a camera di moda è i fundatori di u muvimentu per avè la purtata à a pista. A cullezzione presentava gonne è giacche à volanti è increspati cù mantelli integrati chì eranu tramindui regali, cum'è si vede in un vestitu fora di spalla chì spazza u tarrenu, è l'anca, cumprese una mini vestiti di ghjornu è tunica spugliata. I tessili sò stati una splusione di giallu giallu contr'à un turchinu aqua, cù stampe tropiche chì presentanu casette di paglia contr'à i fiorenti banani, chì Meribe dittu era destinatu à celebrà un ritornu à più nurmalità.

Semu passati da un mumentu bughju, è aghju vulsutu creà qualcosa piena di speranza è luce, a gioia di ricumincià ', hà dettu in backstage.





L'iniziativa chì hà lanciatu Meribe hà apertu a so seconda edizione sta settimana di a moda, un gruppu solu di donne di cuncettori chì travaglianu in Italia cù radiche in Togo ,Maroccu ,Haiti ,Cuba è l'India , dopu à a classa inaugurale Fab Five di l'annu passatu di tutti i cuncettori nati in Africa.

Ci hè un muvimentu accadutu ', hà dettu Buchanan , l'Americanu designer dietro l'etichetta Sansovino 6. Benintesa tuttu piglia tempu, ma ci vole in qualche modu una industria per abituassi à l'idea chì quessi sò talenti cum'è l'altri. Per puntu, anu creatu una basa di dati di più di 3.000 prufessiunali di a moda cù sfarenti razziali è etnici chì campanu in Italia , cumpresi cuncettori, merchandisers, fotografi è stilisti, cù u scopu di mette à u riposu a nuzione chì diversi talenti ùn eranu micca dispunibili in Italia.



In a classe Fab Five di quist'annu, Judith Borsetto hà creatu una linea di scarpi è calze cù dettagli ricamati per ella Judith Saint Etichetta Jermain, ricurdendu u so nome di nascita in Haiti prima ch'ella fussi aduttata da un talianu famiglia à l'età di 4. Zineb Hazim cuncepitu una linea di usura cummerciale per abaja-wearingMuslim donne, aduprendu l'Europeanu plaid nantu à i vestiti lunghi, chì eranu à doppia faccia per allargà u guardaroba di un viaghjatore d'affari. Fallylah Nyny Ryke Goungou urigine tessuti intrecciati da u so Togo nativu in Africa occidentale per sguardi inspirati da u so amore per u Giappone è sapè fà in a so adopta Italia.Romy Calzado , un anzianu designer di tessili natu in Cuba , hà creatu una cullizzioni cù elementi grafichi in favi annantu à tessuti cù pruprietà antivirali, mentreSheetal Shah , uriginariu di l'India , hà cuncipitu una cullizzioni tutali di denim da tessili trattati per resistà l'acqua è purtassi più longu. Ma ancu puru marcendu i prugressi nantu à a diversità chì sò fatti in l'industria, l'urganizatori anu dettu chì un incidente razzista in un hotel di quattru stelle in Milanu destinatu à u Fab Five di quist'annu hà sottuliniatu u travagliu sempre avanti.

Ngonmo hà dettu ch'ella stava cuntrollendu in l'albergu cù e cinque donne quandu i scrivani anu scartatu rudamente e richieste di routine paghendu l'invitati, indicendu chì ùn ci appartenianu micca. Ella hà publicatu l'incidentu nantu à e social media è più tardi hà parlatu cù a direzzione, chì si hè scusata è hà licenziatu i travagliadori rispunsevuli.

Ci anu disumanizati, caccendu a nostra umanità è trattendu ci cum'è animali. Hè veramente, veramente male, 'Ngonmo hà dettu.Jean hà dettu chì l'incidentu hè a prova chì tuttu ciò chì femu oghje, più chè mai, deve esse fattu. Hè una necessità.

(Questa storia ùn hè micca stata editata da u staff Top News è hè generata automaticamente da un feed sindicatu.)