Cumu l'investimenti cinesi in Africa danneghjanu u cuntinente


Creditu d'imaghjini: Pixabay

Sicondu l'ultimu rapportu di u Ministeriu di u Cummerciu di Pechino, a Cina hè u più grande bilaterale africanu cummerciu associu dinò quist'annu, righjunghjendu una crescita annuale annuale di 40,5%. Dopu una pandemia indotta dip in u 2020, u cummerciu trà Pechino è u cuntinente hè statu stimatu à guasi 140 miliardi di dollari durante i primi sette mesi di u 2021. Tuttavia, l'elefante in a stanza à l'annunziu di ste figure chì sona impressiunante era u statutu parallelu di a China cum'è u più grande bilaterale africanu. prestitu cumpagnu.



Disperatu per l'investimenti stranieri per sustene e so economie è a so presa nantu à u putere, un numeru crescente di dirigenti africani si rivolgenu à i soldi pronti in offerta cum'è parte di a politica di espansione globale di a Cina, u Iniziativa Cintura è Strada (BRI). Mentre questi accordi di prestitu sò guardatu da stretti accordi di non divulgazione, u creditu cinese vene à un prezzu elevatu per a ghjente in questi paesi.

In Djibouti è in Etiopia, dui di i studii di casi i più preoccupanti di i debitori cinesi si sò sviluppati, è offrenu storie di prudenza di l'effetti di l'intrusione cinese. U partenariatu di a Cina cù i capi prufundamente problematichi di questi paesi hà avutu cunsequenze di grande portata per a populazione di i rispettivi paesi è puderia eventualmente cunduce à una reazione contr'à a Cina in cuntinente.





Pattu periculosu di Djibouti cù a Cina

Djibouti hè un picculu paese di menu di 1 milione, ma hè di grandi dimensioni geopolitiche impurtanza per via di a so pusizione strategica annantu à a Corno d'Africa. Durante l'ultimi 20 anni, u paese hè statu sottu à u presa di ferru di u presidente Ismaïl Omar Guelleh, micca menu grazia à u sustegnu cinese, chì hè statu strumentale in assicurendu a so piazza à u putere à mezu à una scuntentezza crescente cù a so regula. È mentre Pechino era lenta per entre in u ghjocu di putere geopoliticu nantu à a Corna, a so influenza in Djibouti li hà permessu di ritruvassi in un tempu record aprendu a so prima è unica basa navale d'oltremare in vicinanza di quelle di i SU è di a Francia.

Altri aspetti di l'influenza cinese in u paese sò diventati da allora assai visibili. Per esempiu, a Banca d'Esportazione-Importazione di Pechino in Cina (Exim) finanzatu U 70% di a linea ferroviaria elettrica trà Addis Abeba è Djibouti, à u tonu di 3,4 miliardi di dollari. Un annu dopu, a stessa banca finanzatu u pipeline d'acqua Etiopia-Djibouti per 327 milioni di dollari. Avà u paese si classifica primu in u mondu per u so pesu di u debitu 100% per a Cina in percentuale di u so PIB.

Un altru esempiu hè a custruzzione di u Doraleh Container Terminal, u prughjettu d'infrastruttura di mostra di Djibouti. A coimpresa trà Djibouti è l'operatore portu DP World, basatu in Dubai, u prugettu hè diventatu notu per u trattamentu di DP World cum'è un impurtante cumpagnu di cummerciale internaziunale. In u 2012, i regulatori di Djibouti anu annullatu a cuncessione di 30 anni di DP World per operà u terminal, prima trasmissione à una sucietà statale cinese è cuncurrente, China Merchants Group, in 2018. Malgradu multiplu decisioni in favore di DP World dapoi tandu, Djibouti ùn hà ancu cumpensatu o restituitu a splutazione.

Impurtante, u bacinu hè avà gestitu da una forza di travagliu interamente cinese, fendu pocu preziosu per a disoccupazione cronica di u paese. Ciò pone quistioni più ampie di a Cina cum'è un cumpagnu d'affari fiduciale per i paesi africani dinò, postu chì a Cina si ritrova cum'è un 'statu fratellu' per i dirigenti africani è una fonte di soldi, impiegu è in definitiva avanzamentu ecunomicu. Tuttavia, Djibouti hè un primu esempiu di cume sò unilaterali queste prumesse sò veramente: i tassi di povertà di Djibouti pusà à 79%, cù 42% di a pupulazione chì campanu in una miseria estrema. Indice di Sviluppu Umanu (HDI) di e Nazioni Unite, classificatu u paese 166 nantu à 189 in 2019.

A prova chì e circustanze ùn migliuranu micca cù u finanzamentu cinese si pò vede in u fattu chì trè ghjucatori di football Djiboutiani chì eranu in transitu per Parigi à u principiu di questu mese ricusatu per imbarcà u so volu di cunnessione in casa è anu dumandatu asilu da u statu francese. Cum'è l'espertu di e relazioni sino-africane Thierry Pairault spiega, 'i soldi cinesi anu avutu un impattu assai limitatu per i Gibuti'.

A manu di Pechino in u genocidiu in Etiopia

Stu statu di e cose ùn hè in alcun modu limitatu à Djibouti, perchè un partenariatu cinese causa ancu più grande angoscia in Etiopia, à l'altra estremità di a Ferrovia Addis Abeba-Djibouti. In Etiopia, anch'ella, a Cina hè u u più grande cumpagnu cummerciale è investitore finanziariu . Tuttavia, mentre a pista di treni finanzata da a Cina si prova micca prufittuali , e ripercussioni primarie di a presenza onnipresente di a Cina in Etiopia sò francamente fatali.

Dapoi nuvembre di u 2020, u primu ministru di Etiopia, Abiy Ahmed, hà realizatu operazioni militari à grande scala contr'à u gruppu d'uppusizione, u Fronte di Liberazione Populare, basatu in a regione Tigray di u paese. Cum'è motivatu etnicamente assassinii è viulenza sessuale muntagna, a lotta hè ancu spustata più di dui milioni da e so case è lascendu milioni di più senza accessu à manghjà, acqua o assistenza sanitaria. U secretariu generale di l'ONU Antonio Guterres hà criticatu u 'bloccu umanitariu de facto' da i gruppi armati.

Mentre u restu di u mondu si hè giratu contr'à Ahmed per u genocidiu in corsu accadutu sottu u so sguardu, a Cina cunfirmatu u so impegnu à a so amministrazione in Aostu. U disprezzu per e atrocità commesse hè spiegatu da a pulitica di Pechino di ' non interferenza '. Non solu sta situazione hè altamente ipocrita per a so evidenza flessibilità quandu cunvene à l'interessi di a China, ma sta stretta relazione magica hà in effetti un impattu direttu nantu à a vita di a ghjente. Luntanu da a non interferenza, a delegazione chinesa di l'ONU ritardu hà fattu una discussione nantu à l'eventi chì si sviluppanu finu à u novi mesi in a crisa, è hà continuamente ostaculatu un interventu significativu di u Cunsigliu di Sicurezza di l'ONU assai difficiule. Questa impasse à livellu internaziunale hà, à turnu, guidatu à esità trà i membri di l'Unione Africana. Mentre l'interessi cummerciale di a Cina in u paese restanu intatti, i crimini di guerra contr'à l'etiopi continuanu senza calà.

Un futuru instabile per l'investimentu chinese

Indebitendu cunuscenza alcune di e nazioni più povere di u mondu è sustenendu i so dirigenti oppressivi, a Cina ùn pò più rivindicazione per 'lascià a so sovranità indemne'. Ma al di là di i danni causati à e persone in questi paesi, tali prughjetti interessati chì sustenenu i dirigenti cuntruversi di questi paesi vulnerabili danneghjanu a reputazione di l'Iniziativa Cintura è Strada, è ancu u Partitu Cumunistu Cinese (PCC) stessu. Forse u calculu per a Cina hè dighjà in traccia.

(I ghjurnalisti di Devdiscourse ùn sò micca stati implicati in a produzzione di st'articulu. I fatti è l'opinioni apparsu in l'articulu ùn riflettenu micca l'opinioni di Top News è Top News ùn rivendica alcuna responsabilità per u listessu.)